Magia? scienza non ancora svelata

Tempo fa scrissi un post dove dicevo che una sorella femminista faceva bene a dire che scienza e magia erano due appendici per la conoscenza.
Se si declinano le cose all’interno (ovvero alla Via del Femminino introspettiva) non esiste la magia, non esistono gli oracoli, non esiste una guida a cui affidarsi per chi sa (istinto e Se Selvaggio), ma esiste il se auto determinabile, un se da conquistare senza separare e senza velleità auto riferite ed egocentriche (patriarcali).

Continua a leggere

Annunci

Morire lentamente, la storia delle donne e del dominio patriarcale di questa società

Potrei cominciare questo post con la solita e comune frase:
“C’era una volta”
Ma ahimè non posso.
Non tanto perché la ritengo sopravvalutata per un inizio di una narrazione quanto perché si riferisce al passato, invece questa storia si ripete in tutte le epoche, cambia l’aspetto esteriore ma il succo resta sempre uguale a se stesso quindi opterò per:
“Accade oggi che….”
Continua a leggere

La sottile linea che separa misticismo, esoterismo, pratica, vie iniziatiche e follia (la follia è patriarcale e nasce dall’ego)

Le persone vedono quello che la loro cultura (scelta nel maschile e indotta nel femminile) gli fa vedere e se ciò che vedono conferma loro ipotesi stereotipate che nascondono delle realtà oggettive, ci credono ancora di più
Le persone quando qualcuno fa emergere i loro punti deboli partono con la caccia alla strega (uomini e donne indistintamente e vale per coloro che non sanno accettare delle critiche costruttive o che hanno paura di dover vedere realmente quello che sono)
Continua a leggere

Arte Sciamanica: Alla Dea che è in noi

Celebrare noi stesse è importante quando sappiamo riconoscere in noi stesse la Dea, privandola di quei pesi che nella vita ci portiamo per forza di cose, appresso.
Fare Arte Sciamanica significa scoprire nel percorso corrispondenze e elementi che in Noi stesse erano tacitati, è anch’esso un viaggio e per la prima volta sono riuscita a realizzare un feticcio della Dea recante uno spicchio di Luna sul capo.
Come detto è un esercizio che può fornire delle corrispondenze e nel caso delle immagini che seguono, le corrispondenze vanno molto indietro nel tempo e la simbologia è sempre quella della Grande Dea che ci abbraccia ma che in se ha anche il potere di distruggerci come visto nei vari riferimenti che faccio a Lei-Noi donne.

Continua a leggere

Corsi&Ricorsi

Strade che non conducono da nessuna parte
Elementi che si presentano e che vengono recepiti in una certa maniera per poi essere accantonati….
Fiducia
Una fiducia mal riposta
Domande che trovano risposte, risposte che le persone non vogliono leggere e/o ascoltare
Avere consapevolezze, sapere cosa accade ancor prima del punto di rottura
Corsi&Ricorsi, sempre elementi….
Continua a leggere

Energie e Vite Passate

Quando si parla di:
  • Regressioni
  • Vite passate
  • Memorie
  • Inconscio
  • Elementi connessi alle vite passate
Possono sempre sorgere moltissimi dubbi, e se non si crede alla reincarnazione certamente ognuno di questi non sussiste visto che “la testa viene mozzata” a monte di qualunque ragionamento e/o sensazione riscontrabile sul tema. In sostanza non sussiste proprio argomento visto che vi è una chiusura al riguardo che talvolta può anche essere di tipo dogmatico.

Chi siamo nel presente

Questa è forse una domanda che le persone quando pensano alla o alle loro vite pregresse si pongono. Per quello che ho (con modestia) compreso io, siamo anche il portato delle nostre esistenze precedenti e ogni vita pone dinanzi a noi elementi interconnessi con tutte le vite passate e ovviamente anche con quella presente.
Non ho utilizzato a caso la parola “anche” perché sarebbe davvero troppo semplicistico dire che ciò che siamo nel presente e in questa vita attuale sia esclusivamente proveniente dalle vite passate, significherebbe non affrontare una serie di cose che ci riguardano in questa vita e che magari con faciloneria attribuiremmo a cause estranee a noi stessi oggi, invece con noi stesse-i ci dobbiamo fare i conti, sempre che decidiamo di guardarci e non solo di vederci en passant…
Secondo me avendo io anche un approccio sciamanico alle cose, noi siamo in sostanza il prodotto finale, passatemi la terminologia che certamente è inadeguata, di una serie di fattori tra cui rientrano:
  • Ciò che percepiamo e incameriamo assumendolo, dalla società (modelli, spinte, induzioni psicologiche etc…)
  • Ciò che ci è stato presentato dai nostri genitori (non tutto ovviamente, ma quello che ha sedimentato)
  • Il portato delle nostre vite passate
  • Ciò che nella famiglia abbiamo recepito da parenti diretti come le nonne ad esempio
  • Ciò che dalla società abbiamo recepito e che ha sedimentato
  • Siamo le nostre scelte

Le Energie e il Presente

Le nostre energie sono molte e quando si parla di canalizzazione almeno io parlo di come queste vengono impiegate, e se possiamo impiegarle al fine di prendere la borsa della spesa e adagiarci le uova che rischiano di rompersi, possiamo impiegarle anche attraverso il discernimento e il superamento di taluni conflitti interiori al fine di operare qualcosa su noi stesse-i e/o sugli altri o magari anche su oggetti animati e inanimati.
Si dice che i bambini siano maggiormente ricettivi perché sono come gli animali in natura fin quando la società e la famiglia non inizia a “regolarli” e quindi a smorzare la fiamma viva del loro potere che magari porta a fenomeni di poltergeist o a visioni specifiche. Non è raro sentire di bambine e bambini che fanno cadere bicchieri fermi o sprangano finestre, e questo da qualcuno viene interpretato come “entità che ci mettono lo zampino” poi le-i bambin@ spariscono da quel luogo e tali fenomeni non avvengono più. Quindi sono loro a provocarli visto che non esiste alcuna entità e siccome nell’infanzia si ha un rapporto con il Se del Femminino (Istinto Interiore) più saldo è facile che i piccoli manifestino tali poteri latenti, da adulti dimentichiamo perché la società dei patriarchi ci dice che l’istinto è secondo alla mente che distrugge e sottomette quindi ad una mente collusa con un potere vile e una cultura che lo determina. Insomma ci si insegna a odiare il Femminino (misoginia).
Energie&Presente, stare a se stess@ e non vivere il tempo come una minaccia, ricordarsi di starci, essere presenti perché ripartire da se è essenziale per ogni mutamento, per ogni azione e altro…. ed evitare condizionamenti. Ecco la connessione tra queste due parole che poi riconduce sempre al discernimento e al disciplinare se stessi per accedere anche all’Io Selvaggio di cui parlo frequentemente e che risulta essere anche la base di movimentazione di talune specifiche energie.

Le Regressioni

Questo tema mi sta molto a cuore devo dire la verità, e fino ad oggi avevo deciso di non affrontarlo perché è molto controverso in realtà.
Le domande sono o possono essere:
  • Come capire che trattasi di vera regressione
  • Chi dice che non siano solo proiezioni della mente
  • Chi dice che non siano solo messaggi dell’inconscio, dell’Io Selvaggio o istintivo
Tutte queste cose. Magari non vi aspettavate questa risposta ma tali questioni non escludono che si può effettivamente venire in contatto con un Se di un altra vita, per chi ci crede, perché siamo anche (tra le altre cose viste e elencate) il portato delle nostre vite pregresse e ogni singola vita può portarci a considerare aspetti di quella attuale.
Effettuare una regressione oggi viene illustrato da molte e molti, personalmente non adotto le tecniche consigliate, ho un mio metodo testato per regredire e devo dire che attraverso la scoperta di più vite pregresse ho compreso delle sfaccettature della mia Io di oggi, sempre perché ho voluto guardarmi nel profondo altrimenti avrei colto solo la “scorza”.

 

 

 

Arte Sciamanica&Energia

Arte Sciamanica significa connettersi con sfere molto profonde del se e accedere al contempo ad altri piani.
Una cosa che può riuscire in realtà anche abbastanza facilmente ma che se ci si va con l’intenzione carica di aspettative eventuali non può riuscire, a seguire si comprenderanno le ragioni di quest’ultimo mio pensiero.
Continua a leggere

La Dea oscura e il Fuoco

Vicky Noble nel suo libro “Il Risveglio della Dea” apre la sua introduzione parlando di come nel patriarcato gli uomini associno il femminino all’elemento acqua e sostiene che noi donne abbiamo la necessità di risvegliare in noi stesse la Dea Oscura, la Dea del Fuoco e che più che corrispondere alla leggerezza e al movimento continuo dell’acqua nella quiete, il fuoco brucia, purifica ed elimina.
Quest’ultimo paragone è il mio in realtà.
Continua a leggere

Sangue Mestruale

Il sangue mestruale nella ritualità (Ritu significa mestruo) è da sempre considerato come uno tra i più potenti canali per far arrivare un qualcosa a qualcuno o da qualche parte. Gli scopi con il quale si impiega questo mezzo possono però essere alti o mediocri-bassi, ma il sangue mestruale diede vita all’appellativo Ritu, che dal sanscrito significa appunto sangue mestruale quindi originariamente la magia era praticata solo dalle donne, infatti le vie originarie erano solo femminili.

Continua a leggere

Acqua, Terra, Aria, Fuoco

Sugli elementi si è scritto tutto e il contrario di tutto, purtroppo quando sussistono molte scuole di pensiero, filosofie, studi e religioni ogni materia e cosa può essere “manipolata” a favore di un culto o di una forma spirituale, o semplicemente per mantenere un potere temporale (storia dei culti patriarcali e non solo dei culti) ovviamente non sempre avviene ciò se si ha un etica e si cerca di comprendere che la molteplicità è un fattore di arricchimento piuttosto che un ostacolo all’affermazione di qualcuno.

Continua a leggere