Anima

vento
Tratto da Etimo Italiano:
ANIMA

Il termine anima è la versione femminile di animo, la cui etimologia è riconducibile al latino animus, con il significato di spirito, che a sua volta corrisponde al greco ἄνεμος (anemos) = vento.
L’anima quindi è quel principio presente in tutti gli esseri viventi, talmente ineffabile che gli antichi non seppero indicarla se non ricorrendo all’idea del vento, la cui presenza non essendo visibile è provata dagli effetti che provoca e non dalla diretta percezione di essa.
Spesso, però, il concetto di anima viene confuso con quello di spirito anche nell’etimo: in realtà il primo è un concetto “orizzontale” appartenente a tutti gli esseri viventi, mentre il secondo esprime una prospettiva “verticale” della dimensione divina che va verso quella propriamente umana.
Lo spirito può essere anche un angelo, e come dissi in passato, non esistono spiriti ma energie, almeno per me quello che rappresenta lo spirito delle piante, quello degli animali etc… è la loro energia, ovvero il soffio della loro vita, il loro vento appunto insomma l’anima ma l’anima di energia non intesa quindi come una creatura definita da questa o quell’altra religione.

Il Vento nello Sciamanesimo

Lo spirito inteso in senso sciamanico non è quello che poi le religioni patristiche hanno identificato come angelo, demone etc…. (quelle sono eggregore infatti ovvero forme pensiero canalizzate di energia che diventano esse stesse dogmi) ma è appunto l’energia della persona, il mio lignaggio mi ha insegnato che si può rimanere cechi davanti a se stesse-i anche per più di una vita, si possono offendere i propri antenati adottando la violenza come strumento e aderendo a questa o quella politica, filosofia e religione senza accorgersi di aver disconosciuto tutti valori dei propri Antenati, chi fa questo purtroppo è ciec@ e cercare di mostrare a costoro i loro errori è anche abbastanza dispendioso delle proprie energie, come ricordare che gli Antenati non si usano per ribadire da dove si viene se si è smarrita la strada e magari solo per sentirsi importanti o superiori ad altre e altri perché significa aver introiettato la cultura che quegli Antenati ha ucciso e violentato fare ciò ed è anche testimonianza di una divisione tra chi deriva da e chi non deriva da, insomma il sistema della stratificazione che vince sin da quando esiste un sistema suddiviso in classi, Inoltre secondo me tutti possono rinascere allo sciamanesimo, ma per farlo bisogna arrivare ad un certo grado di consapevolezza, e bisogna imparare a Conoscere Se Stess@ realmente non a fornirsi risposte comode, ecco perché non posso prendermela con chi questo percorso non lo vuole fare, basta che non mi venga a scocciare a me cercando di mostrarsi per altro da sè, perché io capisco anche al di là delle maschere che le persone si mettono, come comprendo la paura e altri sentimenti, e comprendo benissimo anche le cose indotte, e il Lignaggio ha senso solo se non si accettano gli strumenti come la violenza o le dittature, il potere o l’idea che si sia migliori di altre e altri, perché siamo (per me) tutte e tutti figlie-i della Pachamama quindi lignaggio significa recuperare tale consapevolezza abbattendo gli strumenti che le società capitalistiche e patriarcali ci mettono davanti facendoci credere che sono nostri strumenti, perché invece sono della loro cultura e quella cultura di genocidi degli Antenati ne ha fatti molti.
Il vento è lì a testimoniare questo, il vento non si accontenta di spezzare e uccidere sentendo il potere che logora l’anima, il vento passa, può anche distruggere ma non per il potere, si rende soffio ma anche tempesta, e l’Energia della tempesta e del fulmine è quella risvegliata, quella non identitaria ma che è parte di un cosmo caotico e assieme equilibrato.
Il vento è anche un pensiero che corre, scivola e non consente di essere ingabbiato dove l’odio lascia spazio al mutamento.
Quando iniziai a praticare l’elemento con il quale mi trovavo in assoluto più affine pur non essendo quello di nascita era appunto il vento, poi una serie di Dee connesse a questo elemento le ritrovai nei miei studi.
Lilith
Ishtar
Tanto per citarne un paio e mi resi conto di come si potesse sperimentare la regressione grazie al vento stesso. All’energia di questo elemento e alla sua figura retorica se la si vuol osservare ancor più in maniera laica. Sono stata fortunata perché l’esercizio di regressione mi ha fatto conoscere un animale totem e mi ha mostrato un blocco che custodivo con una catena di fiori e che quindi avevo alimentato. Infatti tra i primi post del mio blog attuale parlo anche dei blocchi che curiamo, che decidiamo di superare o che non ci sentiamo di affrontare.
Il vento è un grande maestro, in generale ogni espressione della Madre lo è. Non a caso è anche definita come Anima Mundi…..

 

 

 

 

Annunci