Nazionalismo e Matrilinearità sono opposti

Mi è capitato nel corso del tempo trovare le seguenti definizioni appaiate o comunque in discorsi che apparivano continuativi apparentemente con un senso che però è quello capitalista e patriarcale.
  • Rune
  • Nativi Americani
  • Matriarcato
  • Nazionalismi
  • Difesa delle donne
  • Esoterismo
  • Difesa degli animali
C’era un amico che una volta scrisse:
“Il fascismo è il cane da guardia del capitalismo”

E non aveva torto ma il fascismo o neofascismo come tutte le politiche eversive e criminali per conquistare le persone deve abbindolarle fornendo un immagine non reale di se e quindi propugnando valori che solo apparentemente siano salvifici per le situazioni contingenti e per fare ciò sfruttano tutto e tutti, perché la propaganda è uno dei metodi attraverso il quale “restringere i ranghi” (nazionalismo) e poi settorializzare le persone e le cose, esercitando le forme di controllo più oppressive possibili che patriarcato e capitalismo possano escogitare, però all’inizio così come ad esempio fanno i narcisisti sociopatici perversi, appare come movimento politico dalla parte degli oppressi (nativi ad esempio o donne nel sistema che loro stessi non disconoscono affatto) dalle parte degli animali non umani, e lo fanno mescolando Rune, Filosofie spirituali che con loro non centrano nulla e perfino mettendo in mezzo le società non stratificate che erano quelle matri focali.
Il fascismo si fonda su questi fattori:
Giusti e sbagliati sulla base della superiorità di una razza su quella originaria (matri focale ebbene si veniamo dall’Africa c’è poco da fare, avremmo oggi pure la pelle bianca ma se non fosse esistito un universo matri lineare e solo il patriarcato da molto tempo ci saremmo estinte ed estinti)
Il fascismo ritiene (e gli scritti al riguardo sono migliaia) che l’uomo per natura debba stuprare perché ha nel DNA tale tendenza, ovviamente la scienza vera ha smentito questa che loro pensano sia una cosa normale, dicendo che invece lo stupro psicologico e fisico non è da attribuirsi all’essere predatore quanto più ad una società e al suo dominio per come viene esercitato, e la scienza non è comunista, tanto per precisare, è spesso anch’essa patriarcale eppure su questo è chiara e netta, quindi se proclamano la “superiorità della donna” è solo un altra manipolazione mentale che stanno mettendo in atto per gratificare e annichilire poi le donne in un ruolo (patriarcale) scelto da loro per noi.
Sulla società divisa in classi sociali dove qualcuno deve essere un capo e sotto di esso (uomo o donna che sia) devono stare tutti gli altri e le altre. Chi disobbedisce è un traditore non una persona con un cervello e dei sentimenti ai quali non vuole abnegare, ma appunto solo un traditore.

Manipolazione psicologica e la Maschera che cade

Delle maschere ho parlato in un post, ma è interessante il paragone con chi manipola nella vita quotidiana chiunque e di fatto risulta essere sociopatico e persona anaffettiva, la criminologia si interroga, avendo anche tracciato dei profili, sul rapporto tra manipolazione dell’altra o dell’altro, maschere utilizzate all’occorrenza per trovare seguaci da dominare ma presentandosi bene, e ritiene che fare ciò significa essere malati nel profondo della psiche ma al contempo anche parte della criminologia si concentra sul lato mentale, invece le Vie Matrilineari e Femminili dicono che uomo e donna in loro hanno un lato femminile ma che l’uomo non lo vuole vedere e quindi genera forme manipolatorie e fascino (vedere vampiri energetici e sociopatici ed anche Hitler o Stalin) per controllare, dominare e tacitare quelle voci nella testa che trovano il nemico dove invece c’è solo il difetto, ma il difetto non si perdona, la perfezione è il canone (egoriferimento) e se si aspira alla perfezione tutto ciò che è fuori da essa (come forma proiettata da una psiche malata) va abbattuto ecco cos’è anche il fascismo, cosa sono i regimi totalitari, cos’è il capitalismo e il patriarcato, tutti connessi tra loro come detto.
La criminologia sostiene anche che una persona anaffettiva che tratta l’altro gratificandolo e facendogli credere che sta dalla sua parte (meccanismo di fascinazione come tecnica manipolatoria) messa in politica diventa potenzialmente un dittatore, e in effetti su questo non sbaglia ma c’è un ma… tali soggetti sono dai test emersi su campioni di società, quelli più apprezzati, ciò significa che la stragrande maggioranza delle persone è potenzialmente preda della fascinazione e della manipolazione, che si tratti di politica o di rapporti di coppia o amicali.
E perchè questo?
Perché la società è stratificata sul piano dei livelli economici ed è patriarcale
E’ più attenta all’immediato che non al lungo periodo
E’ più attratta dall’immagine e dagli slogan che non dalla reale sostanza perché se dovesse tener conto della sostanza prima di tutto dovrebbe fare quello che l’Oracolo Matriarcale di Delfi suggeriva: Conosci te stesso. E in poche e pochi decidono di guardarsi dentro perché il profondo non è l’immediato, il profondo ci lascia ferite addosso che dobbiamo poi curare e richiede un percorso certosino dove l’errore è spunto di crescita e non il male assoluto.
Generalmente quando poi la coercizione dell’individuo è strettissima e si cominciano a sollevare le prime voci di dissenso la bestia sociopatica che è il fascismo o regime totalitario, reprime brutalmente il dissenso, ora… chi difende gli animali sapendo che loro non esercitano mai un tale comportamento su Madre Terra ma che l’unica specie a farlo è quella dis-umana, e quindi disconosce che tale comportamento dis-umano è solo frutto di una cultura e di concetti come dominio e controllo, come può realmente difendere gli animali se lui per primo si ritiene superiore avanzando pretese di dominio e quindi dimostrando il suo specismo in tal modo?
Apposta parlo di maschere che cadono, basta solo rifletterci un pochino per capirlo.
Porto un esempio.
I gatti con i topi adottano un gioco che non serve a mangiare l’altro animale ma può considerarsi come una tortura per il topolino vittima di tale gioco, ma in quello non vi è il dominio solo una forma di gioco che però fa parte integrante dell’equilibrio della terra, seppur appaia come una forma di sottomissione a noi umani. Ma il gatto non chiede obbedienza, sta solo giocando, eccola la differenza con il dominio patriarcale e capitalistico.
Il mondo è uno?
Provocazione….
Si è uno
Le religioni e i modi di interpretarlo tanti, il sistema politico è uno a parte rari casi di società a successione matrilineare ancora oggi esistenti.
C’è differenza tra persone e religioni?
Certamente se si riflette un attimo.
Chi è più intelligente tra questi due soggetti che seguono:
Il soggetto che se la prende con le persone che interpretano una religione
Il soggetto che individua nella formazione culturale di chi interpreta una religione il problema
Prendersela con le persone è stupido, prendersela con le culture e le ideologie lo è assai meno ma fare la prima cosa è qualcosa che si direbbe di pancia, mentre siccome io considero il ventre come lo stato delle emozioni che discernono sulla base di un istinto non inficiato da una mente culturalmente poco avanzata, dico che tali soggetti che hanno risposto “Il soggetto che se la prende con le persone che interpretano una religione” non prendono la questione di pancia ma con la mente che origina pensieri malati e fuorvianti (la mente patristica contrapposta all’istinto matrifocale).

Il nazionalismo ovvero come tagliarsi a pezzi da soli

Serrare i ranghi=paura di guardare in se e riconoscere aspetti che si condannano negli altri come frutto di una cultura patristica e capitalistica nata malata + paura generale e quindi paranoia e pensieri proiettati.
Il nazionalismo viene riciclato tutte le volte che ciclicamente il capitalismo fallisce e genera le sue crisi strutturali, ho scritto strutturali apposta perché non arrivano a caso o come eventi imprevedibili, se si osserva la storia del capitalismo e del patriarcato si vede che sono cicliche queste crisi. E chi le genera? la sovrapproduzione di merci ne chi viene da fuori, ne chi ha la pelle nera, ne le donne che non si sottomettono al padrone maschilista e misogino, ne le donne e gli uomini omosessuali ma solo un economia che divide in classi e ruoli, dominante e per nulla equilibrata ovviamente, ma il fascismo è appunto solo la massima espressione di questo modello economico e sociale, non è diverso da questo ne lontano dallo stesso, anche se si presenta (indossando una maschera) come tale.
Quando si dice padrone in gergo politico si intende colui che ha accumulato tanta ricchezza o che si trova nella scala sociale ad un livello secondo cui ha sottoposti sotto di se e certo i sottoposti possono avere qualunque provenienza geografica e anzi più saranno poveri più saranno ricattabili quindi come è logico, il problema non sono ne gli immigrati, ne le donne lesbiche o i maschi gay ma solo povertà e quindi ricatti economici e coercizione patriarcale sono i problemi che sono alla base della società capitalistica e patrilineare-patriarcale.
La paura è un eggregora, è più forme pensiero che fanno individuare il nemico falso rispetto a quello reale e quindi permettono di mettere un velo dinanzi al raziocinio e all’istinto depurato da una cultura dominante, e chi non si guarda dentro e non critica alla radice ciò che è la nostra società e quindi:
  • patriarcato
  • capitalismo
non rappresenta una soluzione ma solo un ennesima maschera che capitalismo e patriarcato mettono dinanzi ai propri occhi per non guardarsi dentro.
La distanza con il matri linearismo è presto detta.
Capitalismo e patriarcato si fondano sul controllo e dominio perché osservano solo l’esterno e quindi disconoscendo la Via Femminile dell’interno e dello scavare nello stesso per evolvere, divengono preda di paranoie, paure, pensieri deviati, comportamenti deviati, finte risoluzioni, mentre la Via Femminile porta all’equilibrio e all’assenza di dominio e controllo. L’aria non si controlla, la terra nemmeno, ci si può illudere di controllare il fuoco o l’acqua anche così come la terra e l’aria ma presto a tardi questi elementi (il femminino vero non quello che sta fintamente dalla parte delle donne per esercitare forme di controllo attraverso la lusinga (manipolazione mentale che fa leva sulla cultura acquisita e introiettata dalle donne stesse) indirette che poi diventano dirette) torneranno all’equilibrio, avviene sempre in natura perché mutevolezza e ciclicità non possono essere interrotte con buona pace dei patriarchi e dei capitalisti.
Annunci