Sangue Mestruale

Il sangue in magia è da sempre considerato come uno tra i più potenti canali per far arrivare un qualcosa a qualcuno o da qualche parte. Gli scopi con il quale si impiega questo mezzo possono però essere alti o mediocri-bassi, ma il sangue mestruale diede vita all’appellativo Ritu, che dal sanscrito significa appunto sangue mestruale quindi originariamente la magia era praticata solo dalle donne, infatti le vie originarie come recita il nome del mio blog, erano solo femminili.

La giustizia e l’equilibrio devono sempre essere mess@ al centro di un rito con il sangue mestruale, anche perché chi ha un energia più potente della persona che lo mette in atto può intervenire e spezzare tale rito, sappiatelo se lo riterrà inidoneo all’offesa subita.
Vi sono situazioni nelle quali la violenza è una costante e tali situazioni rappresentano oggettivamente degli squilibri, poi ci sono altre situazioni pregne di menzogne e stupidità umane, quello che voglio dire è che ogni situazione ha e deve avere suoi eventuali riti di riferimento (barriere, scudi, proiezioni, riti con il sangue) e confondere i piani e i riti non fa altro che permeare concetti di squilibrio che vanno ad alimentare dispersione di energie, tornando indietro a chi li pratica.
  • La guarigione
  • La cura
  • La giustizia
  • L’equilibrio
Per me chiunque agisca al di fuori di tali metriche ideali entra in circoli viziosi per se stess@ e compiendo anche azioni che fanno del male gratuito ad altr@ e questo per me rappresenta un serio squilibrio di forze che si riversano su piani altri che successivamente devono essere sanati.

Lo Sciamanesimo e il Ritu del Sangue Femminile

Il sangue mestruale è il canale più potente, il ciclo della vita si esplica in questa maniera:
  • Nascita
  • Vita espressa nella pienezza della stessa
  • Morte
  • Rinascita-Rigenerazione
Il mestruo appartiene a tutti i passaggi perché prevede una trasformazione dopo la morte del corpo (o situazione) precedente e associa a questa una purificazione naturale che rappresenta il riciclo del se, del femminino profondo e la vita si sa cresce ed evolve (anche questo può essere visto come un processo di rigenerazione), la vita viene cresciuta dall’interno della donna, inoltre tale quaterna rappresenta l’equilibrio, lo stesso ciclo le donne lo vivono ogni mese, per tale ragione si è associato il femminino al serpente in virtù della perdita della sua pelle e la rigenerazione dello stesso animale, che si tramuta in evoluzione ebbene anche noi donne ogni mese compiamo un esperienza sciamanica naturale che è quella di sanguinare senza essere ferite, e quel sangue è il simbolo della morte per la rigenerazione-rinascita.
Non a caso i primi calendari delle Civiltà Umane si basavano sui 28 giorni della donna e della Luna, erano i calendari del ciclo mestruale perché se il principio universale è quello del 4 secondo talune Scuole di Pensiero (nascita-vita-morte-rigenerazione/rinascita che vanno in coppia) è la donna a poter conoscere più approfonditamente cosa si cela dietro “il velo” perché lei stessa sul suo corpo lo vive ciclicamente quel mistero.
Qui si comprende ancor di più la mia frase Conosci te Stess@, molte donne hanno disimparato a riconoscere il loro potere, i misteri che le avvolgono e vedono le mestruazioni come un castigo, questo approccio è generato dal patriarcato, instillare odio verso il più bel passaggio che possiamo noi compiere ogni mese e abbiamo il privilegio di compiere per lungo tempo, significa svilire il nostro potere, i primi patriarchi lo sapevano, avevano visto cosa fa il nostro sangue, quanto può curare e quanto potenzialmente può distruggere, una donna che conosce se stessa e non è assuefatta al concetto di gruppo privato delle individualità al suo interno, è come la Dea, essa stessa nella sua ciclicità è la Dea Madre e Morte, da qui l’esigenza del patriarcato di farci odiare noi stesse e il nostro canale preferenziale, di portarci ad odiare noi stesse e a non conoscerci occorre per chi lo vuole quindi, tornare ad amare questi passaggi mensili, pensarli in relazione ai cicli della Luna, sincronizzarci con essa e anche amare le sensazioni che ci suscitano.
Tra l’altro è l’esperienza di singole donne a parlare, infatti quando noi donne torniamo (anche a me è accaduto) ad apprezzare il mestruo per quello che rappresenta ed è, dolori, fastidi fisici e progressivamente sensazioni negative, vanno scomparendo e avviene quella sincronizzazione con il ciclo mestruale di altre donne che ci sono vicine, sul lavoro, nella famiglia, nelle amicizie, nelle relazioni amorose e sessuali.
Nella mia pratica e nella mia via sciamanica fino ad oggi ho conosciuto 75 donne che mi hanno riferito su tale esperienza, e su ciò che effettivamente avviene ed è avvenuto nella loro vita una volta superata la concezione che il mestruo è una scocciatura e che tale concezione è stata sostituita dall’idea che è passaggio, armonia da ricercare, arte, bellezza, potere, nascita e morte, un regalo che ci è stato fatto dall’universo non solo a fine procreativo ma per ricordarci che siamo meglio di come ci vogliono inquadrare e gestire in società come quelle patriarcali. Siamo anche più forti di quanto noi stesse ci convinciamo di essere.
Il mestruo è una forma energetica sulla quale nasce la pratica magica come si intuisce. Non vi è superiorità nelle mie parole ma solo la ricostruzione di questioni che per troppo tempo sono state occultate e/o censurate e che oggi devono riemergere anche con aggressività perché no…
Annunci

Un pensiero su “Sangue Mestruale

I commenti sono chiusi.